martedì 2 maggio 2017

Done&Discovered | Febbraio-Marzo-Aprile 2017

In rapida successione, le scoperte (e riscoperte) dell'ultimo trimestre:

1 - siamo ormai ben lontani da Sanremo, Occidentali's karma sembra aver già fatto il suo tempo e siamo a un passo dallo scoprire quale sarà il tormentone estivo del 2017, ma mi tocca dire che devo al Festival la ri-scoperta musicale degli ultimi mesi: Paola Turci. La Paolona che nei tempi d'oro mi piaceva tanto e che era un po' che non risentivo. A conti fatti direi che va a lei il premio per la canzone più ascoltata del periodo, non per il pezzo di Sanremo, ma per una splendida canzone di qualche anno più vecchia, le cui parole hanno accompagnato, descrivendo alla perfezione il mio stato d'animo e i miei pensieri, molte delle mie sere solitarie bolognesi.


Rivelazione molto più recente per le mie orecchie è stata invece Levante, dal cui caos di stanze stupefacenti sono stata completamente sopraffatta. Graffiante, dura, incazzata, ma anche spiritosa quando vuole, mi ha conquistata con la forte personalità dei suoi testi. Considerato l'attuale panorama musicale italiano, non la sottovaluterei.


2 - quando li ho trovati da OVS non ci credevo: i rossetti Matt Matt Matt di Essence, ovvero, per rapporto qualità/prezzo, l'acquisto del secolo. Super intensi e coprenti, resistono a lungo sulle labbra e sono anche completamente opachi. Quanto a reperibilità possono dirsi praticamente leggendari, ma costano meno di 3€ e hanno poco o nulla da invidiare a rossetti tipicamente appartenenti a una fascia di prezzo molto più alta. Voto 10 e lode. Se siete abbastanza fortunate da capitare in negozio subito dopo il riassortimento dello stand, fatene razzia perché spariscono tipicamente nel giro di poche ore.

Da sinistra a destra: numeri 02, 04, 06, 08

3 - io sono una che cambia hobby molto velocemente. Tipo che l'ultima attività con cui sono entrata in fissa è il lettering, l'handwriting e tutto quel mondo lì. Attività tremendamente in voga, ma anche decisamente inutile se non per il puro piacere estetico, considerato che l'unico fine per cui la utilizzerei sarebbe la decorazione di agenda, bullet journal e simili. Colpa di youtubers, instagrammers e community facebook dedicate all'argomento, non certo mia eh. Per cui ho comprato tutto l'occorrente e ho cercato di imparare a scrivere, in maniera non molto diversa da quanto fatto vent'anni or sono alle elementari. Ogni tanto condivido qualcuno dei miei pasticci su instagram, il più delle volte nelle stories, perché non ritengo siano ancora degni di restare nel feed permanente.

Tentativo di brush lettering che ho ritenuto inspiegabilmente
degno di rimanere permanentemente sul blog

No, non ho ancora visto Tredici perché il mio ineluttabile anticonformismo mi impedisce di seguire le mode nel momento esatto in cui sono in voga. Ci arriverò, ma con un po' di ritardo.

Nessun commento:

Posta un commento